Fontana del borgo

La fontana di Cerere, meglio nota come “fontana del Borgo” o semplicemente chiamata “Ma’pallara dô Buŗgu” dai catanesi stessi, fronteggiava il settecentesco Palazzo dell’Università catanese, o Syculorum Gymnasium, sin da quando il palermitano Giuseppe Orlando la scolpì nel 1757. Anche se inizialmente fu molto apprezzata, dopo poco lo stesso Senato, che aveva voluto l’erezione di un monumento finalizzato ad ingraziarsi il favore della natura e della prosperità, la fece interamente smontare, spostandola al Borgo.

A partire da questo momento, attorno alla fontana sorsero dicerie e leggende popolari relative ad una certa sfortuna che l’avrebbe da sempre accompagnata: noto è il caso della morte dello scultore/restauratore Francesco Licata proprio all’interno della vasca, dove si era introdotto per effettuare una semplice manutenzione.

Condividi questo: