U re Bafè

C’era ‘na vota ‘n re,
bafè, viscottu e minè
c’aveva ‘na figghia, bafigghia,
viscottu e minigghia.
Sta figghia, bafigghia,
viscottu e minigghia,
aveva ‘naceddu, bafeddu,
viscottu e mineddu.
Gn’ionnu st’aceddu,bafeddu,
viscottu e mineddu, abbulò.
Allura lu re, bafè,
viscottu e minè disse:
a cu’ trova l’aceddu,bafeddu,
viscottu e mineddu.
cci dugnu a me figghia,
bafigghia viscottu e minigghia.
Iù truvai l’aceddu, bafeddu,
viscottu e mineddu,
ci rissi ‘ncarusu, vavusu, fitusu,
viscottu e minusu.
Allura , lu re, bafè,
viscottu e minè ci dissi :
e iu pi ‘naceddu bafeddu,
viscottu e mineddu,
ti dava a me figghia bafigghia,
viscottu e minigghia?
Ah! Vattinni,
vavusu, fitusu, murvusu,
viscottu e minusu


TRADUZIONE LETTERALE

C’era una volta un Re,
bafè biscotto e minè
che aveva una figlia, bafigghia,
biscotto e minigghia.
Questa figlia, bafigghia,
biscotto e minigghia,
aveva un uccello, bafeddu,
biscotto e mineddu.
Un giorno quest’ uccello, bafeddu,
biscotto e mineddu, volò.
Allora il Re, bafè,
biscotto e minè disse:
a chi trova l’uccello, bafeddu,
biscotto e mineddu,
gli dò a mia figlia,
bafigghia, biscotto e minigghia.
Io ho trovato l’uccello, bafeddu,
biscottu, e mineddu,
gli disse un ragazzo, bavoso, lercio,
biscotto e minusu.
Allora, il Re bafè,
biscotto e minè gli disse:
e io per un uccello bafeddu,
biscotto e mineddu,
ti davo a mia figlia bafigghia,
biscotto e minigghia ?
Ah! vattene,
bavoso,lercio,murvusu,
biscotto e minusu.


SPIEGAZIONE

Si tratta di una tra le più antiche e simpatiche filastrocche siciliane, ben nota in tutta la nostra Isola. Spesso il testo testo varia, secondo la zona geografico-linguistica, incrementata anche con espressioni locali, talora ambigue o licenziose. Anche questo fa parte della produzione popolare, ricca di fantasia e spiritosa creatività.

Non credo di sbagliare, se affermo che da piccoli siamo stati un pό tutti affascinati dalle filastrocche, attentissimi nel sentirle recitare dai “grandi” e pronti a memorizzarle al più presto, esercitandoci a ripeterle, proprio alla stessa maniera e con gli stessi toni, siano essi fantastici, romantici, ironici o beffardi.
Vale la pena tentare una spiegazione a proposito dell’intercalare bafè, viscotta e minè, poi variamente modulato secondo strane rime baciate, insolite e bizzarre.
La ricerca parte da uno stranissimo re, che la fantasia popolare sembra aver creato come oggetto di scherno. Poco autoritario, poco determinato e soprattutto pronto a invalidare un bando regale, per motivi di opportunità familiare, reagendo anzi in un modo grossolano e plateale, nel mandare a… (al diavolo) il fituso pretendente della figlia. 

Condividi questo: